Lunedì, 25 Ottobre 2021
Attualità

L'Asl di Novara recupera in due giorni le vaccinazioni per fragili e over 80 non trasportabili

Al via il "vaccine at home week end"

Sono diversi gli over 80 non trasportabili e i fragili che non hanno ancora ricevuto il vaccino perchè il medico di base non ha aderito alla campagna di vaccinazioni a domicilio.

Ora l'Asl di Novara ha deciso di recuperare in due giorni. La campagna vaccinale rivolta a pazienti fragili non trasportabili  infatti è attiva dai primi di marzo ed al momento ha raggiunto circa il 60% degli assistiti segnalati dal proprio curante. Mancano però quelli il cui medico di base non ha aderito alla campagna vaccinale a domicilio. Per raggiungere tale obiettivo nel weekend del 24 e 25 aprile l'Asl impegnerà tutti i professionisti disponibili, sia tra i propri dipendenti sia tra i volontari che prestano gratuitamente la propria opera in un progetto denominato “vaccine at home weekend”. 

La vaccinazione a domicilio, come intuibile, richiede un maggiore sforzo organizzativo e di risorse rispetto alla vaccinazione effettuata nei centri vaccinali. Ad oggi sono state vaccinate 1.327 persone su 2.200 con la prima dose e 731 con entrambe: restano ancora 556 persone da vaccinare a carico dell’ASL e 337 a carico di medici di medicina generale. Si è deciso di dedicare in questo weekend tutte le risorse possibili che consentiranno di attivare più di 20 equipe vaccinali, coadiuvate da infermieri dedicati alla preparazione delle monodosi, in modo da rendere agevole la somministrazione al domicilio.

Di fatto saranno individuati punti di appoggio su tutto il territorio dove verranno preparate le dosi e dove le équipe vaccinali accederanno per recuperare i vaccini da somministrare. Un lavoro di squadra con i sindaci delle aree maggiormente interessate, che con generosità hanno messo a disposizione locali di supporto ad Agrate Conturbia, Suno e Carpignano Sesia, che si aggiungono ai punti vaccinali già attivi di Gozzano, Romentino e Novara, che porterà al 25 aprile ad abbattere significativamente le liste di attesa, e, con l’ulteriore apporto dei medici di medicina generale “vaccinatori” che andranno dai loro 337 assistiti, ad azzerarle definitivamente.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Asl di Novara recupera in due giorni le vaccinazioni per fragili e over 80 non trasportabili

NovaraToday è in caricamento