Cronaca

Caso Moro: l'inchiesta su Ladu passa alla Procura di Novara

L'ex brigadiere della Guardia di Finanza, indagato per calunnia, ora risiede nella città gaudenziana. L'inchiesta era già partita da Novara nel 2008, quando Ladu era in servizio al Comando provinciale di piazza del Popolo

Sarà trasferita a Novara l'inchiesta aperta dalla Procura della Repubblica di Roma sulle dichiarazioni dell'ex brigadiere delle Fiamme Gialle Giovanni Ladu riguardo il "Caso Moro".

L'ex finanziere, che è indagato per calunnia per aver falsamente accusato i vertici istituzionali e militari dell'epoca di non aver voluto liberare Moro pur conoscendo il luogo dove era tenuto prigioniero dalle Br, oggi è infatti tornato a vivere a Novara.

Ad occuparsi del fascicolo sarà la Procura della città gaudenziana, da cui peraltro partì l'intera vicenda: era il 2008 quando Ladu, allora in servizio presso il Comando provinciale di piazza del Popolo, confidò a un collega di avere notizie, a suo dire importanti, da rivelare sul sequestro e l'uccisione di Aldo Moro. Le sue confidenze finirono però all'interno di una relazione che il collega consegnò proprio al procuratore Francesco Saluzzo. L'inchiesta fu aperta a Novara, dunque, ma passò poi per competenza a Roma.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Moro: l'inchiesta su Ladu passa alla Procura di Novara

NovaraToday è in caricamento