Coronavirus, l'appello della Provincia di Novara: "Teniamo le scuole chiuse"

Il presidente Federico Binatti non è d'accordo con la riapertura fissata per mercoledì

Le scuole devono rimanere chiuse: è questo l'appello lanciato dal presidente della Provincia di Novara a poco dalla decisione ufficiale di poter riaprire le scuole con l'attività didattica mercoledì 4 marzo. 

"Secondo quanto previsto dal Governo nazionale il Piemonte non è stato incluso tra le aree per le quali sono state previste misure più restrittive. Il presidente della Regione Alberto Cirio ha deciso di adottare una linea di maggior prudenza vista la vicinanza con la Lombardia, regione più colpita in Italia dal Coronavirus. Sottolineerò l’importanza di prorogare la sospensione delle attività scolastiche per tutta la settimana a tutela del nostro territorio, considerata la posizione geografica del Novarese, confinante con la Lombardia", ha dicharato il presidente della Provincia Federico Binatti. Proprio adesso è in corso a Torino una riunione da cui dovrebbero emergere notizie concrete: parteciperanno i prefetti e i presidenti delle province piemontesi, il sindaco di Torino, il direttore dell’Ufficio scolastico regionale e il direttore della Direzione regionale della Sanità.

"In Piemonte l’attività delle scuole di ogni ordine e grado, dei servizi educativi dell’infanzia, della formazione superiore e dei corsi professionali è ancora sospesa almeno fino a martedì. Questo prevede il testo dell’ordinanza firmata nella giornata di ieri, domenica 1° marzo, dal presidente Cirio, un atto assunto in autonomia rispetto alle decisioni del Governo, ma comunque concertato con il Ministro della Sanità. Le due giornate di sospensione dell’attività didattica serviranno, - ha continuato Binatti - per un intervento straordinario di igienizzazione delle scuole, come annunciato ieri dal presidente e dal direttore dell’Ufficio scolastico regionale. Soltanto martedì, sentito il parere tecnico e scientifico dell’Istituto superiore di sanità sull’evoluzione del contagio, la Regione deciderà se riaprire completamente le scuole piemontesi o se prorogare la sospensione dell’attività didattica a tutela della salute degli studenti. Rispetto a queste decisioni inviterò a considerare la possibilità di prorogare la sospensione delle attività scolastiche per tutta la settimana".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Piemonte verso zona arancione: cosa cambia per i novaresi

  • Coronavirus, Cirio: "Per l'1 o il 3 dicembre il Piemonte sarà in zona arancione"

  • Coronavirus: +2641 casi in Piemonte, a Novara ricoveri in risalita

  • Coronavirus, all'ospedale di Novara 238 ricoverati e 5 decessi

  • Ahmadreza Djalali, si avvicina la pena di morte per il ricercatore novarese detenuto in Iran

  • Motocross tra le risaie del Torrion Quartara: 2400 euro di multe per 3 motociclisti

Torna su
NovaraToday è in caricamento