Cerano, in fiamme una catasta di rifiuti: brucia l'argine del canale, si indaga per incendio doloso

Sul posto i vigili del fuoco

L'incendio

Fiamme sull'argine di un canale, provocate da un incendio che si pensa sia doloso.

É successo nella serata di lunedì 25 maggio a Cerano, dove è stata segnalata una colonna di fumo in via Ranzina, all'altezza dello scolmatore. Sull'alzaia del canale stavano bruciando sterpaglia e alberi: le fiamme si sono propagate a partire da una catasta di bancali abbandonata qualche giorno fa. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, che hanno spento il rogo. "Le fiamme si sono sviluppate da una catasta di bancali ammucchiati giorni prima e, da una immediata valutazione, dovrebbero avere un'origine dolosa - ha spiegato il vice sindaco Alessandro Albanese, che si è recato sul posto -. Per quanto ci riguarda metteremo a disposizione i nostri mezzi, comprese le telecamere del sistema di videosorveglianza, per cercare di risalire ai responsabili di questo episodio; invitiamo pertanto chiunque avesse degli elementi utili in tal senso, a comunicarli alla Polizia Locale di Cerano".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gite fuori porta: tre luoghi da non perdere a due passi da Novara

  • Incidente a Novara, auto si schianta contro un dehors in via Pontida

  • Incidente a Paruzzaro: schianto tra auto e camion, un ferito grave

  • Coronavirus, pronta una nuova ordinanza in Piemonte: niente più distanziamento sociale sui mezzi pubblici

  • Incidente mortale a Omegna: giovane perde la vita nello schianto tra un'auto e una moto

  • Batterio pericoloso: ritirato lotto di salmone prodotto a Borgolavezzaro

Torna su
NovaraToday è in caricamento