Novara, intossicata dal monossido di carbonio in casa: salvata grazie al rilevatore portatile dei soccorritori

La casa era satura del pericolosissimo gas

Repertorio

Si sente male, arriva l'ambulanza e i soccorritori scoprono che la casa è satura di monossido di carbonio.

É successo a Veveri, dove una pensionata ha iniziato a stare male con mal di testa, capogiri, nausea e svenimenti. I soccorritori dell'ambulanza sono arrivati sul posto e, una volta entrati in casa, hanno notato valori anomali nei rilevatori portatili di monossido che indossano sulla divisa. La donna è finita in ospedale, insieme ad un'altra persona che era con lei. Sul posto anche i vigili del fuoco che hanno messo in sicurezza l'abitazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il monossido di carbonio, letale ma assolutamente inodore, si era probabilmente sprigionato da una caldaia difettosa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, le previsioni: quando potrebbero azzerarsi i contagi a Novara e in Piemonte

  • Coronavirus, in Piemonte prorogata l'ordinanza con più restrizioni: no attività sportiva e passeggiate

  • Coronavirus, Cirio: "Ordinanza in Piemonte prorogata fino al 14 o al 20 aprile"

  • Coronavirus, in arrivo i buoni spesa: chi ne ha diritto e come richiederli a Novara

  • Coronavirus, morto infermiere novarese di 51 anni: aveva quattro figli

  • Coronavirus, cauto ottimismo dal Maggiore di Novara: in Piemonte 9.418 i casi

Torna su
NovaraToday è in caricamento