Rubano in un'azienda, poi fuggono dai carabinieri a folle velocità e finiscono impantanati in un campo

I due ladri sono stati arrestati

Inseguimento e cattura per due ladri nella notte tra venerdì 28 e sabato 29 giugno.

I carabinieri di Arona hanno arrestato C.R. e T.E., cittadini italiani pregiudicati, rispettivamente classi 1956 e 1957, provenienti dall’hinterland milanese. I due si sono introdotti in un'azienda di floricultura di Comignago sfondando una finestra, quando il proprietario si è accorto di cosa stava accadendo. Una volta lanciato l'allarme i carabinieri sono arrivati sul posto mentre i due si trovavano ancora all'interno dell'azienda. I ladri hanno così tentato la fuga con un veicolo che avevano lasciato lì fuori: è iniziato un inseguimento ad alta velocità che si è consluso con la macchina dei malviventi impantanata in un campo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I due hanno cercato di fuggire a piedi ma i militari sono riusciti a bloccarli. A bordo del veicolo abbandonato sono stati trovati numerosi oggetti atti allo scasso ed alcuni passamontagna. Nella matinata di sabato il Tribunale di Novara ha disposto per uno dei due i domiciliari e per l'altro il carcere. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, dal 3 giugno niente più mascherina obbligatoria all'aperto in Piemonte

  • Le spiagge più belle del Lago D'orta

  • Tragedia a Romagnano Sesia, 22enne annegato nel Sesia

  • Domodossola: addio alla pianista Alice Severi, ex bambina prodigio della musica

  • Novara, c'è la data ufficiale di apertura del supermercato Aldi in corso della Vittoria

  • Elettrocardiogrammi: dal 3 giugno necessaria la prenotazione per effettuare l'esame

Torna su
NovaraToday è in caricamento