rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Cronaca Cameri

Lavoro nero e sfruttamento dell'immigrazione clandestina: parte da Cameri l'indagine

L'inchiesta è iniziata da un normale controllo di persone che facevano volantinaggio

É partita da Cameri l'indagine che ha coinvolto una ditta di Castano Primo.

Tutto è iniziato nel 2019, quando durante un controllo a Cameri sono state fermate dalla polizia locale alcune persone impegnate a distribuire volantini: una di loro è risultata irregolare sul territorio italiano. Così sono iniziate le lunghe e complesse indagini, coordinate dall'ispettore Roberto Delli Carri, in collaborazione con la procura della Repubblica e con l'ispettorato del lavoro, che hanno scoperto che la ditta assumeva in nero personale non in regola con i documenti. Sono scattate quindi le denunce per sfruttamento dell'immigrazione clandestina e per lavoro nero e la titolare della ditta di Castano Primo, una cittadina pakistana, è finita in aula davanti al giudice. Per i lavoratori non in regola con il permesso di soggiorno è scattato anche il provvedimento di allontanamento dal territorio nazionale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoro nero e sfruttamento dell'immigrazione clandestina: parte da Cameri l'indagine

NovaraToday è in caricamento