menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, a Novara locali chiusi alle 22 e divieto di starne all’esterno

Emessa nella giornata di sabato l’ordinanza del sindaco Canelli che riguarda i fine settimana

Locali chiusi alle 22 nel finesettimana e divieto di stare negli spazi appena esterni al locale stesso: nuova ordinanza della città di Novara. Hanno fatto in poco tempo il giro del web le immagini e i video della movida novarese di venerdì 6 marzo. In pieno centro città qualcuno ha filmato e immortalato un numero davvero alto di giovani fuori dai locali, ossia assembramento, nonostante i ripetuti appelli a livello locale e le disposizioni emesse dal presidente e dal consiglio dei Ministri nel DL 23/02/2020 e DPCM dell’1/03/2020 finalizzati a ridurre quanto più possibile il rischio contagio da Coronavirus.

Il tutto è arrivato anche agli occhi del primo cittadino Alessandro Canelli che in giornata, insieme all’assessore al Commercio Elisabetta Franzoni ha incontrato, nella giornata di sabato 7, una rappresentanza dei gestori di bar e locali pubblici della città. L’incontro è stato richiesto dal Sindaco alla luce delle foto e dei video, diffusi via social, degli assembramenti che ieri sera sono stati registrati in alcuni luoghi, nonostante i ripetuti appelli a livello locale e le disposizioni emesse dal Presidente e dal Consiglio dei Ministri nel DL 23/02/2020 e DPCM dell’1/03/2020 finalizzati a ridurre quanto più possibile il rischio contagio da Coronavirus.

I gestori, constatata la difficoltà a sciogliere autonomamente tali assembramenti, si sono messi a disposizione per concordare una linea di azione comune: da questa sera, e nel fine settimana prossimo (venerdì 13 e sabato 14 marzo), interromperanno il proprio servizio alle ore 22, invitando gli avventori a lasciare le sale, i locali e gli spazi esterni per motivi di sicurezza e di tutela della salute.

“Bisogna avere un po’ di sale in zucca, - ha detto il primo cittadino nella sua diretta Facebook sabato 7 marzo – spero che questa vivacità in città possa ritornare non appena il virus sarà sparito, ma non adesso. Le immagini non mi sono piaciute. Bisogna adottare un comportamento responsabile, ora non è il momento di fare socialità assembrandosi. Eppure queste persone si stanno comportando come se nulla fosse, aggravando la situazione degli operatori che lavorano davvero tanto, per tutti. Le forze dell’ordine vigileranno per il rispetto dell’ordinanza, si può cadere nel penale, facciamo in modo di non arrivare a questo punto”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, il Piemonte verso la zona gialla: le nuove regole

Attualità

Autostrada, chiuso lo svincolo di Novara tra la A4 e la A26

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento