Omicidio di Granozzo: al via oggi il processo contro Anna Casciano

La donna, che lo scorso 28 luglio uccise la madre del suo fidanzato, è accusata di omicidio volontario aggravato. L'uomo si è costituito parte civile contro di lei

E' previsto per la giornata di oggi, presso la corte d'Assise di Novara, il processo nei confronti di Anna Casciano, la donna di 47 anni che lo scorso 28 luglio uccise Santa Puglisi, la madre del suo fidanzato, nella sua abitazione di Granozzo.

L'uomo, che di lì a poco avrebbe dovuto sposare la Casciano, ha deciso di costituirsi parte civile.

Per la donna l'accusa è di omicidio volontario aggravato. A peggiorare la condizione della Casciano, secondo il pubblico ministero, sarebbero le motivazioni futili che hanno spinto il folle gesto e la premeditazione.

Secondo la ricostruzione degli investigatori, infatti, la donna viveva con il fidanzato nell'appartamento sopra quello della vittima. I rapporti tra le due donne non erano particolarmente buoni e sarebbe stato proprio un saluto mancato a far scattare l'ira di Anna Casciano, che, accecata dalla rabbia, scese a casa della vittima per aggredirla.

La donna si è presentata con il volto coperto da una maschera  rossa da lupo mannaro, che Santa Puglisi ha poi cercato di strappargliela di dosso. Casciano, sempre piùù infastidita e irritata, si è così diretta verso la cucina, dove ha recuperato un coltello con il quale ha massacrato con diversi colpi la vittima, lasciandola esanime sul pavimento della stanza.

Rientrata nella sua abitazione, la Casciano, si è cambiata e si è recata a Novara per liberarsi dei vestiti sporchi di sangue. Rientrata a casa, ad accoglierla ha trovato i carabinieri, chiamati dalla figlia di Santa Puglisi che aveva scoperto il corpo della madre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anna Casciano è stata così condotta presso la casa circondariale di Novara, dove è crollata durante il primo interrogatorio, confessando quanto appena commesso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mega incidente alle porte di Novara: scontro tra 7 auto, otto feriti

  • Coronavirus, primi due casi positivi nelle scuole di Novara

  • Elezioni comunali ad Arona, Monti è il nuovo sindaco

  • Novara, ragazzino cade dal muro dell'Allea e precipita per 7 metri

  • Esce da scuola e scompare: 11enne di Trecate ritrovata a Magenta

  • Casalbeltrame: sabato i funerali di Carlo e Veronica, i due fratelli morti in un incidente in moto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento