Dalla Provincia di Novara altri 600mila euro alle scuole del territorio

Consegnati i lavori all'istituto Cavallini di Lesa, ora tocca al Fermi di Arona. Sozzani: "Un segnale importante in un momento assai critico per le Province: per noi le scuole sono una priorità"

La Provincia di Novara vicina alle scuole novaresi: continuano gli interventi di edilizia scolastica.

Per l'Istituto Cavallini di Lesa sono stati spesi oltre 300mila euro, per lavori e opere che hanno restituito un nuovo decoro alla struttura. Questi i numeri: oltre 160mila euro per il rifacimento dell’impermeabilizzazione della copertura, 20mila per gli intonaci, 74mila per la risistemazione del parco e oltre 51mila per la centrale termica, rigorosamente a pallet, vista la natura dell’Istituto in cui è stata installata.

L'intervento all’Ipaa che si affaccia sul Lago Maggiore è stato presentato dall'amministrazione provinciale ieri, giovedì 15 novembre, alla presenza del dirigente scolastico Pierangelo Marcalli e dei rappresentanti del Comune di Lesa.

Con il Presidente Sozzani erano presenti anche gli assessori all’Istruzione Anna Maria Mariani, e al Turismo Luca Bona.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Un segnale importante in un momento assai critico per le Province - ha dichiarato Sozzani - che vuole testimoniare il nostro impegno a proseguire in un’amministrazione seria e fattiva. E’ un segnale in risposta alla provocazione 'spegniamo i caloriferi alle scuole' recentemente salita agli onori delle cronache. Ho la presunzione di comprendere le ragioni di queste provocazioni. E’ difficile fare i presidenti di un Ente in smobilitazione, con sempre meno risorse e senza prospettive. La protesta è giusta e doverosa, ma non in questi termini. Per noi le scuole sono una priorità, così come l’attività sull’occupazione a 360 gradi. I lavori che finalmente hanno restituito il decoro a questo edificio, a questa scuola, quelli che andremo a iniziare all’Enrico Fermi di Arona, quelli che abbiamo presentato il mese scorso, ne sono la testimonianza. Finchè ci saranno modi e mezzi per lavorare cercheremo di portare avanti il nostro dovere amministrativo".

L'amministrazione Sozzani ha infatti stanziato ulteriori 300mila euro per realizzare nuove aule e una nuova biblioteca all’Enrico Fermi di Arona: "L’accorpamento scolastico ha visto in poco tempo lievitare i numeri degli studenti - ha spiegato l’assessore Mariani - rendendo necessario individuare nuove aule, nuovi spazi".

"Un progetto funzionale e bello - ha commentato il dirigente scolastico della Fermi Pierbartolo Giromini - di cui a breve inizieranno i lavori".

"Colpisce - ha aggiunto l’assessore Luca Bona - lo spirito di collaborazione di questi studenti. Alla Cavallini hanno chiesto pennelli e vernici per ritinteggiare la scuola. Loro stessi manutengono il parco nel loro tempo libero. Sono un esempio di grande responsabilità civile. Prova ne sia l’entusiasmo con il quale ci hanno presentato la loro produzione: nocciole, kiwi e da poco anche una birra artigianale. Mi piace pensare a progetti che li coinvolgano magari per la manutenzione del verde nei comuni del territorio: un nuovo modo per guardare alla scuola e alla formazione dei giovani
che dalla scuola muovono verso il mondo del lavoro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento scontro fra auto e motocicletta: morto un centauro novarese

  • Stresa, si masturba davanti ai passanti: 26enne denunciato dai carabinieri

  • Incidente a Oleggio, ciclista investito da un'auto

  • Vco, si ribalta e rimane incastrata fra le lamiere dell’auto: persona ricoverata

  • Incidente a Casalino: schianto tra due auto sulla provinciale: tre feriti

  • Scontro tra un camion e un treno merci sui binari della Domodossola-Novara

Torna su
NovaraToday è in caricamento