Cronaca

Borgolavezzaro, rapinò il bar sotto casa fuggendo in bici con 500 euro: arrestato

L'episodio risale allo scorso 3 settembre. L'uomo è stato fermato dai carabinieri di Vespolate dopo un mese di indagini

Foto di repertorio

Aveva rapinato il bar sotto casa, fuggendo con un bottino di circa 500 euro. Dopo un mese di indagini, i carabinieri lo hanno arrestato ed è finito ai domiciliari.

E' successo ieri, mercoledì 7 ottobre, a Borgolavezzaro: a finire in manette, un uomo originario di Galliate, ma residente in paese. L'uomo, magazziniere già gravato da precedenti penali e di polizia, è stato fermato dai militari dell'Arma di Vespolate, che hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Novara.

La rapina risale alla serata del 3 settembre scorso: l'uomo, armato di taglierino, era entrato nel bar, che stava per chiudere, e aveva minacciato la barista per farsi consegnare i soldi. Una volta ottenuto il bottino, circa 500 euro in contanti, era poi fuggito in sella ad una bicicletta.

Intervenuti sul posto, i carabinieri avevano dato subito il via alle indagini: grazie anche alla visione delle immagini di alcuni sistemi di sorveglianza, i militari sono riusciti a risalire all'autore del colpo, che abita a circa 300 metri dal bar. Durante un controllo nella sua abitazione, i carabinieri hanno sequestrato la bicicletta usata per allontanarsi dal luogo della rapina e l'abbigliamento indossato al momento del fatto. Per l'uomo, da poco residente a Borgolavezzaro, sono quindi scattate le manette. Secondo quanto ricostruito dai militari, già in passato si era reso responsabile di episodi simili.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Borgolavezzaro, rapinò il bar sotto casa fuggendo in bici con 500 euro: arrestato

NovaraToday è in caricamento