menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Coronavirus, in calo la produzione di Gorgonzola Dop: l'allarme del Consorzio

In calo del 17% la produzione di formaggio Gorgonzola nel mese di aprile

Il settore caseario continua ad essere in crisi a causa dell’emergenza sanitaria dovuta al coronavirus e anche le aziende associate del Consorzio per la tutela del formaggio Gorgonzola Dop stanno subendone le conseguenze.

Lo ha annunciato lo stesso consorzio in una nota stampa: esaminando i dati della produzione di Gorgonzola Dop dall’inizio del 2020 a fine aprile si può rilevare che la produzione è stata di 1 milione e 667533 forme con una diminuzione rispetto all'anno precedente di 54386 forme (-3,16%); confrontando inoltre i dati relativi al solo mese di aprile in rapporto allo stesso mese nel 2019 si nota una significativo calo del 17% nella produzione.

"La diminuzione della produzione - spiegano dal Consorzio - è stata una presa di coscienza delle aziende che prudenzialmente e con grande senso di lungimiranza si sono auto limitate per far fronte purtroppo ad un crollo degli ordini e dei consumi del settore Ho.re.ca nazionale ed europeo, ma anche di Stati Uniti, Canada e Corea del Sud. Nonostante questo terribile momento stia colpendo anche un settore in crescita da anni come quello del Gorgonzola Dop e nonostante le difficoltà richieste anche per tutelare la salute dei lavoratori e di tutto il comparto che ruota intorno alla produzione del famoso formaggio, i caseifici hanno garantito il ritiro di tutto il quantitativo di latte concordato nei contratti con le proprie aziende agricole, con la conseguenza di dovere vendere il latte corrispondente al calo del 17% della produzione sul mercato spot con ingenti perdite che graveranno sui conti economici di tutte le aziende del comparto Gorgonzola Dop".

Secondo il Consorzio, inoltre, "il calo del 17% della produzione di formaggio Gorgonzola nel mese di aprile si aggiunge ai sacrifici del precedente mese di marzo e sicuramente le prospettive future non sono certo confortanti, anche perché si va comunque incontro ad una stagione calda, che di per sé e storicamente, non è quella ideale per la vendita del Gorgonzola".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, in Piemonte si potrà fare visita ai pazienti ricoverati in ospedale

Verbano Cusio Ossola

Baveno, chiusa la scuola materna per covid: bambini in quarantena

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento