rotate-mobile
Giovedì, 29 Febbraio 2024
Green

"Novara non è un posacenere": una mattina di lavoro per ripulire le strade della città

Torna in città la raccolta dei mozziconi di sigarette. L'appuntamento è dalle 10 alle 13 di sabato 13 gennaio

Ripulire le strade del centro città: è questo l'obiettivo della raccolta straordinaria di mozziconi che torna a Novara nella mattinata di sabato 13 gennaio.

L'iniziativa si chiama "Novara non è un posacenere" ed è organizzata dal Comune insieme ad Assa e al Consorzio area vasta banno novarese, in collaborazione con Legambiente Circolo "Il Pioppo", Novara Green e Plastic Free. L'appuntamento è dalle 10 alle 13, con ritrovo in piazza Duomo.

Una mattinata di lavoro per le strade di Novara ma anche un'azione di sensibilizzazione, oltre che educativa, "per contrastare - spiegano gli organizzatori un gesto di inciviltà che inquina e deturpa l'ambiente, ossia quello di utilizzare impropriamente le strade, i marciapiedi, le piazze, i parchi, la città tutta come posacenere".

Secondo i dati dello studio di Erion Care, il primo Consorzio di responsabilità Epr in Italia dedicato a contrastare l'abbandono dei rifiuti dei prodotti del tabacco nell'ambiente al fine di garantirne la corretta gestione, ogni anno nel mondo vengono gettati a terra circa 4.500 miliardi di mozziconi. I filtri dei prodotti del tabacco contenenti plastica sono il secondo rifiuto in plastica monouso più frequentemente rinvenuto sulle spiagge europee. In Italia, il 64% delle sigarette fumate in luoghi pubblici (parchi, giardini, piazze e strade) viene smaltita in modo improprio, abbandonando il rifiuto. Inoltre, il 40% dei consumatori non è a conoscenza di una normativa specifica contro l'abbandono dei rifiuti di piccole dimensioni, mozziconi compresi, e sulle sanzioni in caso di violazione del divieto di abbandono di questa tipologia di rifiuti. Il filtro è composto principalmente da acetato di cellulosa che può impiegare anni a degradarsi. I filtri dei prodotti del tabacco sono costituiti una bioplastica a base di cellulosa del legno, che biodegrada in un arco temporale variabile a seconda delle condizioni circostanti (da alcuni mesi ad alcuni anni). Un singolo mozzicone può contaminare fino a 1.000 litri d'acqua o ridurre il successo della germinazione dei semi e dello sviluppo delle piante. Le sostanze presenti nei mozziconi sono state ritrovate nel 30% delle tartarughe e nel 70% degli uccelli analizzati.

"Tutti insieme per tutelare l'ambiente che ci circonda e la città in cui viviamo - ha commentato l'assessore all'Ambiente del Comune di Novara Raffaele Lanzo -. Con questa iniziativa in cui Assa e Comune si affiancano alle associazioni del territorio in una giornata di raccolta mozziconi l'intenzione è quella ovviamente di tenere alta l'attenzione sull'abbandono dei rifiuti, tutti i generi di rifiuti. Vedere sulle nostre strade sigarette e mozziconi non è un bel biglietto da visita. Questa giornata ci aiuterà ulteriormente nelle numerose campagne di informazione e sensibilizzazione avviate e in corso. Un ringraziamento particolare ad Assa, promotore dell'iniziativa, e alle associazioni che prenderanno parte alla raccolta".

"Abbiamo significativamente voluto unire le forze per raccogliere i mozziconi e ribadire che non gettarli a terra è un dovere civico e ambientale - ha precisato il presidente di Assa Yari Negri -. Invitiamo anche i cittadini a partecipare a questa azione con la quale vogliamo stimolare una presa di coscienza individuale e collettiva sulla gravità del fenomeno e sugli impatti che le azioni di tutti hanno, invitando a compiere i piccoli e semplici gesti di conferimento corretto dei rifiuti compresi quelli che, come i mozziconi, seppur di piccole dimensioni sono particolarmente inquinanti e deturpanti, per essere tutti insieme artefici di una città e un ambiente puliti e decorosi in cui vivere. Per l’occasione Assa distribuirà dei posaceneri tascabili".

Continua a leggere su NovaraToday

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Novara non è un posacenere": una mattina di lavoro per ripulire le strade della città

NovaraToday è in caricamento