Domenica, 25 Luglio 2021
Attualità

Coronavirus, Novara e il Piemonte in zona gialla fino a venerdì 15 gennaio

Le regole della zona gialla, in attesa di un nuovo Dpcm

Zona gialla fino a venerdì 15, poi la situazione è da valutare.

Novara e tutto il Piemonte rimarranno nella zona gialla fino a fine settimana, quando ci sarà il rapporto di valutazione dei dati dei contagi e si stabilirà il "colore" in cui rientrerà la Regione. Nel frattempo però il Governo sta studiando un nuovo decreto, che potrebbe essere sottoposto al Parlamento mercoledì, con nuove regole.

Novara in zona gialla

Da oggi, lunedì 11 gennaio, al via la possibilità di spostarsi anche al di fuori del proprio comune, sempre rispettando il coprifuoco dalle 22 alle 5, e potranno riaprire bar e ristoranti. "Nell’area gialla è consentito spostarsi dalle 5 alle 22 senza necessità di motivare lo spostamento. Dalle 22 alle 5 sono vietati tutti gli spostamenti, ad eccezione di quelli motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. Con riguardo alle abitazioni private, è fortemente raccomandato non ricevere persone diverse dai conviventi, salvo che per esigenze lavorative o situazioni di necessità e urgenza" si legge nelle Faq del Governo.

Non si può però uscire dalla Regione, se non per lavoro, necessità o motivi di salute, dato che si tratta di una zona gialla "rafforzata". Si possono portare i bambini dai nonni, anche se è "fortemente sconsigliato, perché gli anziani sono tra le categorie più esposte al contagio da covid-19 e devono quindi evitare il più possibile i contatti con altre persone".

Riaprono bar e ristoranti 

In zona gialla riaprono bar, ristoranti, pasticcerie e gelaterie, ma solo fino alle 18. "I ristoranti e le altre attività di ristorazione, compresi bar, pasticcerie e gelaterie, sono aperti con possibilità di consumo all'interno dalle 5 alle 18. Dalle 5 alle 22 è consentita anche la vendita da asporto. La consegna a domicilio è consentita senza limiti di orario" spiega il Governo nelle Faq. 

Rimangono aperti, come nella zona arancione, i negozi e gli esercizi commerciali, mentre "nelle giornate festive e prefestive sono chiusi gli esercizi commerciali presenti all'interno dei centri commerciali e dei mercati, a eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, tabacchi ed edicole".

Piscine, palestre, cinema e teatri

Piscine e palestre rimangono chiuse anche in area gialla: "le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere e centri termali sono sospese" di legge nelle Faq. "È consentito recarsi presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, dell’area gialla, per svolgere esclusivamente all'aperto l’attività sportiva di base, nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento", mentre non è possibile praticare sport di contatto. Rimangono chiusi invece cinema, teatri, mostre e musei. 

Riparte la scuola 

Dal 7 gennaio sono tornati regolarmente in classe gli studenti della scuola d'infanzia, della materna e della primaria, mentre l'11 gennaio tornano a scuola tutti i ragazzi delle medie, anche le seconde e le terze, che erano in didattica a distanza da novarembre. Le scuole superiori invece riapriranno il 18 gennaio, come deciso dalla Regione. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, Novara e il Piemonte in zona gialla fino a venerdì 15 gennaio

NovaraToday è in caricamento