menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L’arte zen piange Kengiro Azuma

Lo scultore giapponese, ma milanese d'adozione, è mancato sabato 15 ottobre. Lavorò e visse anche in Provincia di Novara. Sue opere si trovano a Casalino e Gattico

Il mondo dell'arte ha perso Kengiro Azuma.

L'artista nato a Yamagata, in Giappone, nel 1926, arrivò a Milano nel 1956 con una borsa di studio presso l'artista Marino Marini, di cui divenne poi l’assistente.

Solo lo scorso marzo venne a Casalino, allo stabilimento della Sambonet, dove nel giardino dell'azienda fu posta una sua opera in metallo. "La vita infinita".

Invece esattamente 10 anni fa allestì un'importante mostra “Kengiro Azuma. Ottant’anni”, a Vacciago di Ameno presso la Fondazione Calderara di cui ne era consigliere.

Infine un pezzo del suo cuore risiede a Gattico, paese dove visse alcuni anni in via Pian dell'Erba. Nel 1995 addirittura l'Amministrazione di allora gli conferì la cittadinanza onoraria e nello stesso anno allestì la personale “Kengiro Azuma” all'interno delle scuola media statale Eugenio Montale. Inoltre in piazza Leonardi vi è l'opera "Goccia di sangue" commissionata dall'Avis gatticese.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Galliate, ponte sul Ticino chiuso per lavori per tutta l'estate

Attualità

Novara, vaccini anti covid al centro di Piazza Donatello

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento