Lunedì, 25 Ottobre 2021
Verbano Cusio Ossola

Tragedia sulla funivia del Mottarone: estubato il piccolo sopravvissuto, ha riaperto gli occhi

Il bambino di 5 anni è ricoverato all'ospedale Regina Margherita di Torino. La prognosi, comunque resta riservata e si attendono le prossime ore per completare il risveglio

Ha riaperto gli occhi il piccolo Eitan, il bambino di 5 anni sopravvissuto alla tragedia della funivia del Mottarone di domenica 23 maggio, quando sono morte 14 persone, tra cui i genitori e il fratello del piccolo e i suoi bisnonni.

"Il risveglio sta proseguendo - ha detto il direttore generale della Città della Salute di Torino Giovanni La Valle - e poco fa è stato estubato. Per un momento il piccolo Eitan ha ripreso conoscenza". Al suo fianco, oltre agli psicologi e agli anestesisti, c'era la zia Aya, sorella del padre del piccolo.

Il bambino è ricoverato nel reparto di Rianimazione dell'ospedale infantile Regina Margherita di Torino, dove era stato elitrasportato domenica insieme ad un altro bambino, Mattia, poi deceduto in ospedale. "Questa è una fase molto delicata - hanno spiegato i sanitari del reparto di Rianimazione diretto da Giorgio Ivani -. La notte è passata tranquilla e conferma la stabilità clinica del bambino, nonostante le condizioni critiche". La prognosi, comuque, resta riservata e si attendono le prossime ore per completare il risveglio del piccolo. 

A far visita al piccolo, nella giornata di oggi, mercoledì 26 maggio, anche i sindaci di Stresa e Baveno, Marcella Severino e Alessandro Monti. Gli amministratori hanno incontrato la zia del bambino, "una donna forte - spiegano i primi cittadini - che sta reagendo a questo grave momento e che si prenderà cura del bambino nel migliore dei modi, conscia del gravoso compito che l'attende". I due sindaci le hanno portato la solidarietà della comunità, rassicurando che le amministrazioni le saranno vicine oggi come in futuro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tragedia sulla funivia del Mottarone: estubato il piccolo sopravvissuto, ha riaperto gli occhi

NovaraToday è in caricamento