Venerdì, 25 Giugno 2021
Attualità

Coronavirus, in Piemonte al via la vaccinazione per forze dell'ordine e personale scolastico

Parte l'8 febbraio, con l'arrivo delle prime dosi del vaccino Astrazeneca, la Fase 3 della campagna vaccinale piemontese. Confermato per il 21, l'avvio delle vaccinazioni per gli over 80

Foto Ansa - Repertorio

Mentre prosegue la Fase 1 della campagna di vaccinazione anti covid, la Regione Piemonte ha aggiornato il cronoprogramma del piano vaccinale, per adeguarsi all'invio delle forniture dei vaccini e all'indicazione di Aifa di utilizzare il vaccino Astrazeneca sugli over 55 solo se in buona salute.

"In una situazione complicata - ha detto il presidente della Regione Alberto Cirio durante la conferenza stampa di presentazione del nuovo cronoprogramma - abbiamo dovuto aggiornare il piano vaccinale: cambiano i tempi e i giorni, ma non le modalità, che hanno la stessa coerenza fin dal primo giorno. Il nuovo piano è coerente con le disposizioni nazionali attualmente vigenti e attualmente comunicate".

Il nuovo cronoprogramma

Come già annunciato, la prima parte della Fase 1 (la Fase 1A, quella che interessa il personale sanitario e i dipendenti e gli ospiti delle Rsa) si concluderà il 21 febbraio. Nello stesso giorno partirà la terza parte della Fase 1 (Fase 1C), che riguarda gli ultra 80enni non ospiti delle Rsa, mentre proseguirà fino al 15 marzo la seconda parte della Fase 1 (Fase 1B), che interessa gli altri operatori sanitari: odontoiatri, farmacisti, veterinari, biologi, chimici, fisici, psicologi, ostetriche, tecnici di radiologia medica, di riabilitazione e prevenzione, informatori farmaceutici.

Al termine della Fase 1C prenderà invece il via la Fase 2, quella che riguarda i piemontesi over 60, i soggetti fragili o a rischio, e il personale scolastico ad alta priorità. Per tutti i piemontesi vaccinati nella Fase 1 e 2 saranno utilizzati i vaccini di Pfizer e Moderna.

Il vaccino Astrazeneca, che secondo le indicazioni di Aifa può essere somministrato a chi rientra nella fascia di età 18-55 (mentre per gli over 55 solo se in buona salute), consente al Piemonte di anticipare l'avvio della Fase 3 che riguarda il personale scolastico, gli operatori dei servizi essenziali tra cui le forze dell'ordine e le forze armate, il personale carcerario e i detenuti, il personale e gli ospiti dei luoghi di comunità, e le persone con pluripatologie moderate. Questa fase partirà già lunedì 8 febbraio con l'avvio della vaccinazione delle forze dell'ordine, mentre dal 15 si potrà partire con il personale scolastico, docente e non docente. Ovviamente chi rientra in queste categorie e ha più di 55 anni sarà vaccinato nella Fase 2.

Per l'avvio della Fase 4, quella che interessa il resto della popolazione piemontese, bisogna invece ancora attendere: il cronoprogramma sarà definito in base alle indicazioni che arriveranno dalla struttura commissariale nazionale. Anche in questo caso sarà utilizzato il vaccino Astrazeneca, insieme ad altri eventuali nuovi vaccini.

Il piano di vaccinazione per gli over 80

Secondo quanto stabilito dalla Regione, saranno i medici di famiglia a definire gli elenchi degli over 80 in base all'età anagrafica e alle eventuali patologie. Definite le priorità, gli elenchi saranno caricati sulla piattaforma regionale e sarà poi l'Asl a fissare gli appuntamenti comunicando agli over 80 e al medico di famiglia data e luogo per la vaccinazione. In occasione della prima somministrazione saranno poi comunicate la data e il luodo del richiamo. Dalla Regione specificano che saranno i medici di famiglia, nei centri vaccinali (60 in tutta la regione), a inoculare le dosi ai propri pazienti. Le persone che non possono muoversi riceveranno il vaccino a domicilio.

Sono 373899 i piemontesi ultra 80enni (nel novarese 27356 e nel Vco 14677), dei quali 15657 (nel novarese 799 e nel Vco459) sono già stati vaccinati perchè ospiti delle Rsa. 

Per quanto riguarda i 60 punti in cui saranno somministrate le vaccinazioni, in provincia di Novara sono 4 (Novara, sede poliambulatorio Asl; Trecate, casa dalla salute; Arona, casa della salute; Borgomanero, sede del Sisp Asl), mentre nel Vco 3 già definite (Omegna, Premosello e Verbania) e una in corso di valutazione (Domodossola).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, in Piemonte al via la vaccinazione per forze dell'ordine e personale scolastico

NovaraToday è in caricamento