menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, decreto per Natale: no agli spostamenti tra comuni e regioni per le feste

Non sarà possibile incontrare parenti residenti in un altro comune il 25 e 26 dicembre

Il consiglio dei ministri ha approvato il decreto legge 2 dicembre n.158 che disegna la cornice delle misure sul Natale e in particolare delle limitazioni agli spostamenti, in attesa del Dpcm.

Il Piemonte è zona arancione: cosa è consentito fare

La norma infatti, spiega Today.it, è stata pubblicata nella notte in Gazzetta Ufficiale ed è il passo precedente all'emanazione del Dpcm 3 dicembre che conterrà invece le regole per il Natale 2020, necessarie per cercare di tenere a bada la seconda ondata dell'epidemia di coronavirus. In particolare il decreto legge decide lo stop agli spostamenti tra regioni tra il 21 dicembre e il 6 gennaio, vieta gli spostamenti tra comuni il 25 e il 26 dicembre e il primo gennaio e impedisce anche di spostarsi nelle seconde case. 

Nel decreto legge si stabilisce che: 

  • dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021 saranno vietati gli spostamenti tra Regioni diverse (compresi quelli da o verso le province autonome di Trento e Bolzano), ad eccezione degli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute;
  • il 25 e il 26 dicembre 2020 e il 1° gennaio 2021 saranno vietati anche gli spostamenti tra Comuni diversi, con le stesse eccezioni (comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute). Ricordiamo che, se il Piemonte rimarrà zona arancione, gli spostamenti tra Comuni sono comunque vietati.
  • sarà sempre possibile, anche dal 21 dicembre al 6 gennaio, rientrare alla propria residenza, domicilio o abitazione;
  • dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021 sarà vietato spostarsi nelle seconde case che si trovino in una Regione o Provincia autonoma diversa dalla propria. Il 25 e 26 dicembre 2020 e il 1° gennaio 2021 il divieto varrà anche per le seconde case situate in un Comune diverso dal proprio.

Se il Piemonte rimarrà in zona arancione rimaranno comunque in vigore tutte le regole che vietano gli spostamenti al di fuori del proprio comune e la possibilità di raggiungere le seconde case in un Comune diverso da quello di residenza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, da oggi Novara e il Piemonte in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Economia

    Dopo Borgomanero, McDonald's arriva anche a Oleggio

  • Attualità

    Coronavirus, come procedono i vaccini in Piemonte?

Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento