rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Attualità

Zona arancione, tutte le regole in vigore: cosa cambia per vaccinati e non

Da lunedì 24 gennaio il Piemonte passa in zona arancione: ecco le regole aggiornate e cosa cambia per chi non è vaccinato o guarito

Dal 24 gennaio il Piemonte passerà in zona arancione, come confermato dall'ordinanza del Ministro della Salute.

Il Piemonte ha infatti ampiamente superato la soglia di incidenza dei contagi e il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva e di quelli ordinari.

Ma cosa cambia dalla zona gialla? Rispetto ad un anno fa il "cambio di colore" di una regione impone regole diverse per vaccinati e non vaccinati. 

Green pass e super green pass: quando servono e quali sono le nuove regole

Cosa cambia per i vaccinati

Per chi è in possesso di super green pass, che si ottiene solo con vaccino o guarigione dal covid, non ci saranno differenze. Il super green pass continuerà ad essere necessario per tutte le attività per cui è già previsto secondo le regole in vigore. Ristoranti, bar, parrucchieri, estetisti, negozi, palestre e piscine rimarranno quindi regolarmente aperti, al contrario di quanto avveniva un anno fa in zona arancione, ma saranno accessibili solo con green pass o super green pass. 

Cosa cambia per i non vaccinati

In caso di passaggio in zona arancione ad avere limitazioni saranno solo i non vaccinati. Per chi non è in possesso di super green pass infatti, oltre alle limitazioni già in vigore, se ne aggiungeranno altre. I non vaccinati dovranno per forza fare un tampone per spostarsi e non potranno accedere ai centri commerciali nei fine settimana.

- Spostamenti: come nella zona arancione dello scorso anno ci saranno limitazioni per gli spostamenti, ma solo per i non vaccinati. Servirà infatti il green pass (che si ottiene anche con tampone) per uscire dal proprio comune o dalla regione: chi non ha il green pass potrà spostarsi solo per lavoro, necessità, salute o per servizi non disponibili nel proprio comune. Rimane la regole della libertà di movimento da comuni di massimo 5mila abitanti verso altri comuni entro i 30 km, eccetto il capoluogo di provincia. Quindi una persona non vaccinata dovrà fare un tampone se vuole uscire dal proprio comune di residenza, tranne che nei casi sopra descritti, e potrà spostarsi solo con mezzi propri, perchè per i trasporti pubblici serve il super green pass. Chi è vaccinato, o guarito, potrà invece spostarsi liberamente.

- Centri commerciali: per l'accesso ai negozi presenti nei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi, eccetto alimentari, edicole, librerie, farmacie, tabacchi, sarà necessario avere il super green pass. I non vaccinati quindi non potranno accedere a queste attività commerciali nei fine settimana e nei giorni prefestivi, mentre chi è vaccinato o guarito potrà accedervi grazie al super green pass. 

Quarantene, isolamento e tamponi: tutte le regole dell'Asl di Novara

Le regole generali: quando serve il green pass base

Indipendentemente dal colore della regione, l'ultimo decreto prevede l’obbligo di green pass (base, quindi anche da tampone) a coloro che accedono ai servizi alla persona a partire dal 20 gennaio: quindi la certificazione verde sarà necessaria, a partire dalla seconda metà del mese, anche per andare dal parrucchiere o dall'estetista.

Il green pass (base, quindi anche da tampone), servirà inoltre dal 1° febbraio per entrare in uffici pubblici, servizi postali, bancari, finanziari e attività commerciali non essenziali. Quindi servirà essere guariti, vaccinati o aver fatto un tampone anche per entrare nei negozi, in banca o in posta; in zona arancione invece nei fine settimana si potrà accedere ai negozi dei centri commerciali solo con super green pass.

Vaccini, prenotazioni di prime e terze dosi: come funziona l’accesso diretto a Novara

Le regole generali: quando serve il super green pass

Il Governo ha già stabilito alcuni casi in cui il super green pass è obbligatorio, indipendentemente dal colore della regione. Il super green pass si ottiene solo dopo vaccino o guarigione: non è necessario avere la terza dose per ottenere il super green pass, ma è sufficiente avere le prime due dosi o essere guariti dal covid (da meno di 9 mesi fino al 31 gennaio, meno di 6 mesi dal 1° febbraio). 

Super green pass sui mezzi di trasporto: per accedere a bus, treni, aerei, navi, tram, pullman e metropolitane sarà necessario esibire il super green pass. Dal 10 gennaio chi non ne è provvisto può solo viaggiare con mezzi propri o in taxi.

Ristoranti anche all'aperto: il decreto stabilisce che per sedersi al tavolo di un ristorante, anche all'aperto, dal 10 gennaio è necessario avere il super green pass. Stesso discorso per alberghi e strutture ricettive, dove non basterà più un tampone per entrare. Ai non vaccinati quindi rimarrà solo l'asporto o la consegna.

Banchetti e pranzi: dal 10 gennaio chi non ha il super green pass non può partecipare a pranzi e cene dopo matrimoni, battesimi e cerimonie in generale. La stessa regola vale anche per sagre, fiere e centri congressi, oltre che nei centri culturali e nei centri sociali e ricreativi anche per le attività all'aperto.

Niente sport senza vaccino o guarigione: il super green pass dal 10 gennaio serve anche per accedere a piscine, palestre, centri natatori, centri benessere e per praticare sport di squadra, anche all'aperto. Anche lo sci sarà bloccato per chi non ha il green pass rafforzato, dato che sarà obbligatorio per accedere agli impianti di risalita. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zona arancione, tutte le regole in vigore: cosa cambia per vaccinati e non

NovaraToday è in caricamento