rotate-mobile
Lunedì, 4 Marzo 2024
Volley

Volley A1 femminile, arrivano i rinforzi per la Igor: finalmente ufficiale Marina Markova

La schiacciatrice russa vestirà la maglia azzurra fino al termine della stagione al termine di una trattativa lunga e laboriosa e presto sarà a disposizione di Bernardi per il rush finale

La sofferenza e la paura di non riuscire a portare a termine l'affare ci sono state, ma alla fine la Igor Novara ce l'ha fatta. La società azzurra può finalmente ufficializzare l'ingaggio di Marina Markova, che andrà dunque a rinforzare un roster letteralmente falcidiato dagli infortuni, ma che nello stesso tempo è stato capace di fare ottime cose, prima tra tutte la conquista della doppia finale della Challenge Cup che si disputerà nel corso dell'ultima decade di febbraio.

La sciacciatrice nativa di San Pietroburgo (Russia) sarà a disposizione di Lorenzo Bernardi a partire dalla prossima settimana (non ci sarà dunque domani a Milano) ed ha firmato un contratto fino al termine della stagione per poi essere pronta a dare il suo contributo nel delicato rush finale.

La carriera

Classe 2001 e 199 cm di altezza, Markova si è formata alla Syracuse University (2019-2022) e poi alla University of Florida (2022-2023), risultando uno dei prospetti più talentuosi del campionato americano universitario NCAA. La scorsa estate la prima esperienza da professionista, con la firma per il Muratpasa Sigortashop in Turchia, con la cui casacca si è messa in evidenza in questa prima parte di stagione

Le impressioni dei protagonisti

Il direttore generale Enrico Marchioni puà tirare un lungo sospiro di sollievo: "La trattativa per portare Marina a Novara è nata a inizio 2024 ed è stata lunga e laboriosa. Da un lato abbiamo riscontrato l’immediata volontà dell’atleta di misurarsi con il campionato italiano e di sposare la nostra causa, dall’altro, giustamente, il club è risultato restio a privarsi di un’atleta di tale caratura, che in questa prima parte di stagione ha letteralmente fatto la differenza. Sono subentrate anche ragioni extrasportive ma quando tutto sembrava oramai tramontato, è arrivata la fumata bianca che ci regala un’atleta importante, in grado di dare un ottimo contributo per la parte cruciale della stagione. Con Marina, aumentano le rotazioni disponibili, ed è sicuramente qualcosa che ci aiuterà a lottare per i nostri obiettivi".

La gioia è tutta nelle parole della diretta interessata: "Sono davvero emozionata ed entusiasta all’idea di giocare per un club come Novara e in un campionato, quello italiano, che è uno dei campionati migliori al mondo e sicuramente uno di quelli in cui ho sempre sognato di giocare. Non vedo l’ora di poter crescere e imparare molto grazie a questa nuova avventura. Ringrazio la mia squadra turca, il Sigortashop, per avermi dato l’opportunità di giocare questa prima parte di stagione nel campionato turco, sono stati il mio primo club professionistico e mi spiace non concludere la stagione con loro ma di certo, anche a distanza, farò il tifo per loro. La mia prima stagione da pro? Non mi aspettavo, sinceramente, di avere subito un impatto così positivo, puntavo a dimostrare di poter giocare e di poter essere una titolare della squadra e mi sono trovata con la realtà (miglior marcatrice del campionato turco, ndr) che ha superato le mie aspettative. Come ho scoperto la pallavolo? Diciamo che ero una bambina piena di energie e quando avevo 8 anni, a San Pietroburgo, ho provato diversi sport fino a che non sono entrata a far parte di una scuola di pallavolo locale. Inutile dire che a quei tempi e fino a quando da ragazza ho avuto l’opportunità poi di giocare nella squadra juniores del club professionistico della città, non mi aspettavo che potessi diventare un’atleta professionista, come poi è stato: ora, però, guardo avanti perché voglio continuare a crescere e migliorare e voglio arrivare a vincere più trofei possibile". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volley A1 femminile, arrivano i rinforzi per la Igor: finalmente ufficiale Marina Markova

NovaraToday è in caricamento