Coronavirus, nuovi macchinari e posti letto all'ospedale di Borgomanero grazie alla donazione di Caleffi

Dall'azienda di Fontaneto d'Agogna 500mila euro di attrezzature, tra cui un nuovo tomografo computerizzato

La nuova Tc acquisita dal presidio ospedaliero borgomanerese grazie a Caleffi

Sono arrivati nei giorni scorsi dall'ospedale di Borgomanero i nuovi macchinari acquisiti grazie alla donazione di 500mila euro del gruppo Caleffi di Borgomanero.

Nello specifico si tratta di un Tomografo assiale computerizzato (La Tc 128 Philips in foto), un ecografo ad alte prestazioni e tre ventilatori polmonari per terapia intensiva. Oltre a questri strumenti, grazie alla donazione dell'azienda di Fontaneto d'Agogna sono già stati aggiunti anche 12 posti letto di terapia intensiva.

Coronavirus, il gruppo Caleffi dona 1 milione di euro a due ospedali

Queste nuove attrezzature, fanno sapere dall'Asl, "permetteranno di contribuire al superamento della situazione di emergenza, unitamente a tutti gli sforzi che tutto il personale sta compiendo in quest’ultimo periodo".

"In un momento di profonda emergenza sanitaria e sociale ho sentito la necessità di fare qualcosa di concreto - ha spiegato il presidente del gruppo Caleffi Marco Caleffi -. La donazione scaturisce dal forte coinvolgimento personale che ho provato fin dai primi giorni di questa fase difficile, per il nostro territorio. La riservatezza che ha sempre contraddistinto il nostro operato andava, poi, messa da parte a favore di un obiettivo più alto: fungere da stimolo affinché altri facessero la loro parte. Sono orgoglioso di avere anticipato un trend di donazioni in continua crescita e di aver influenzato il mio territorio di origine, il medio novarese e il distretto del Lago d'Orta, che mi ha positivamente
colpito per l’entità delle donazioni effettuate. A livello di gruppo ci siamo, poi, esposti ulteriormente tramite il nostro ufficio Acquisti per
acquisire direttamente i macchinari di cui l’Asl ha immensamente bisogno, nel più breve tempo possibile".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, tre ventilatori polmonari per l'ospedale di Borgomanero grazie a Fcn

"Siamo commossi - ha dichiarato il direttore generale dell’Asl Arabella Fontana - dalla generosità e dalla tempestività del gruppo Caleffi che ci ha favorevolmente sorpresi con la inaspettata pioggia di donazioni destinate alle necessità che il nostro ospedale deve affrontare per fronteggiare l'emergenza in corso: letti di rianimazione, ventilatori polmonari ed ecografo per la diagnostica polmonare per ampliare al massimo la capacità di risposta ai degenti in terapia intensiva, Tac di cruciale importanza nella identificazione in fase iniziale della malattia in tanti pazienti che presentano problemi di carattere respiratorio, nella valutazione di severità e nella corretta interpretazione delle modificazioni temporali del quadro radiologico dei malati durante il follow-up, fino alla risoluzione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Novara, maxi rissa in piazza Martiri: volano sedie e bicchieri

  • Novara, si sente male e muore nel parcheggio del centro commerciale di Veveri

  • Novara, forte temporale con grandine su città e provincia

  • Arona: ha un malore mentre è a scuola, morto studente di 17 anni

  • Coronavirus, casi positivi all'Ipsia Bellini: scuola chiusa per due settimane

  • Novara, è morta a 69 anni la pediatra Giuseppina Luoni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento